Geo nella versione multicolore…

Mi è stata richiesta la versione multicolore di Geo…è nata nei colori della terra, ed è un modello generalmente disponibile su richiesta.

E’ sempre molto carina, leggerissima da indossare e, soprattutto, molto allegra! Che ne dite?

Traduci

e condividi il post…
Share

Annunci

Piccoli capricci….

Una selezione di collane multicolore di Capricci di Natura, per qualsiasi informazione contattatemi!

Traduci

e condividi il post…
Share

Meno dieci e termina il concorso! Due i commenti ammessi!

Ciao a tutti!

Dieci giorni alla fine del concorso di Capricci di Natura…
Grazie a coloro che hanno voluto condividere le loro canzoni preferite, ce ne sono tante e sono davvero molto belle.
Continuate a partecipare e ricordate che i commenti che potete inserire sono DUE, con all’interno tutte le canzoni che volete. Credo di essermi spiegata male perché molte di voi hanno pensato di poter inserire un solo commento con due canzoni.
Invito quindi le partecipanti con un solo commento ad aggiungerne uno, sarà una possibilità in più per vincere la parure in palio che vedete qui nella barra laterale destra.
Sempre a destra cliccate sull’immagine di Capricci e Canzoni e partecipate al concorso! Tentar non costa nulla, anche la spedizione la pago io! 🙂 
A presto!
Traduci

e condividi il post…
Share

Dopo Lara, ecco Lory…

In questi giorni forse Capricci avrà un po’ di tempo in più da dedicare al suo blog…ci sono sempre mille cose da fare ed il tempo di scrivere per puro “piacere” è sempre di meno.
Con un gioco di parole sui nomi oggi vi presenta Lory, una versione del modello Lara (anche di Savane ) ma montata con perle in legno bicolore, tagua e grosse scaglie di madreperla…molto fine ed elegante.
Nei colori caldi del marrone e dell’arancio.
Lory è lunga nella parte superiore 74 cm circa, chiusa da un noce di tagua marrone grande circa 4 cm x 3, ha due parti teminanti con noce naturale dell’Amazzonia lunghi una 10 cm e l’altra 8.
Spero vi piaccia, al momento è disponibile.

Traduci

e condividi il post…
Share

Dalla tagua alle mie considerazioni fuori tema!

Tagua, dove trovarla?

In questi giorni ricevo molte mail in cui mi chiedete dove trovare la tagua….

Lo stesso quesito me lo pongo anche io a volte…sì perché quella che utilizzo fa parte di un piccolo lotto che ho acquistato un po’ di tempo fa grezza (era un fondo di magazzino di almeno una ventina di anni, se non di più!) e che pian piano ho colorato e sto naturalmente terminando.

Ho cominciato proprio da questo splendido materiale il mio cammino della lavorazione sulla frutta e della colorazione del legno con i pigmenti naturali che, devo dire, mi sta dando molte soddisfazioni. E, ormai, di tempo ne è passato.

Dopo i vari tentativi ed esperimenti sulla lavorazione mi sono sempre più appassionata, soprattutto vedendone i risultati…
Interessanti, non solo dal punto di vista estetico, ma soprattutto, perché ricavati da materiali naturali.

Ho sempre pensato che il rispetto per l’ambiente e per la natura possa solo apportare e non togliere nulla a chi voglia vivere in salute e armonia.

Mi hanno detto che mi occupo di “riciclo vegetale”, di “riuso vegetale”, ed effettivamente, se ci penso, è “anche” così….riutilizzo dei materiali che verrebbero  scartati (i noccioli di ciliegia, di albicocca e di pesca ad esempio) in modo diverso, facendone degli ornamenti, dei gioielli…

Gioielli già in natura, e la tagua è proprio un esempio di questo. Se pensiamo agli utilizzi che se ne fanno in Ecuador, in Colombia, che persone riescono a sopravvivere grazie ad una palma i cui semi paiono avorio, capiamo come la Natura meriti il nostro totale rispetto.

E quando mi chiedono cosa ne pensi del “riciclo” di altri materiali rispondo che è giusto riutilizzare materiali in modi nuovi…la plastica è al primo posto in questo campo. Ma credo ancor di più che si debba prospettare una riduzione della produzione della plastica, di tutti i materiali ed i componenti chimici che piano piano non possono che finire per soffocare la nostra terra, oltre che rovinare la nostra vita.

Eco-sostenibile, eco-compatibile, eco-friendly, sempre di più negli ultimi tempi sento parlare di “eco”, quasi fosse uno spot pubblicitario e non una filosofia di vita…

Il rispetto della natura anche nei gesti quotidiani, questo sì che potrebbe essere utile, non l’utilizzo di materiali per moda o perché serve a vendere…

Mi sono persa…. completamente fuori tema, ma quando si parla di questo mi appassiono e, inevitabilmente, finisco per confondere le idee.

Tornando alla tagua e a dove trovarla, in breve,  non saprei dove indirizzarvi. Sicuramente la tagua migliore l’ho vista in siti sudamericani ma capisco che (e questo vale anche per me) l’importazione non sia semplice ed abbia notevoli costi. Prossimamente magari pubblicherò una lista di siti dove poter dare un’occhiata, certo è che il materiale è costoso, non è chiamato “avorio vegetale” a caso.

Questo lo chiarisco perché a volte si pensa che si tratti di qualcosa di poco valore e così non è!

Ho visto molta tagua ultimamente anche in Italia…attenzione, ci sono molte imitazioni. Non è possibile acquistarla a prezzi ridicoli (collane a tre, cinque, otto euro), probabilmente è pasta di legno se vi va bene, altrimenti cartone pressato (un po’ come il “legno cocco”  😉 ).

Se poi non vi interessa il materiale ma la forma ed i colori sgargianti vanno bene lo stesso anche quelle, anzi vi permettono di risparmiare.

Anche su ebay ho visto qualcosa, basta cercare tagua…ma credo che con una semplice ricerca via internet possiate trovare ogni informazione utile. Se avete domande potete lasciarle qui sotto, vi rispondo molto volentieri.

Per chi volesse acquistare da me qualche (dico qualche…non ne ho molta) noce di tagua intera o sezionata può scrivermi e, se posso, vedrò di accontentarlo. A patto che mi mandi una fotografia della sua creazione che pubblicherò con piacere.

Di sicuro sarà un pezzo unico, anche nei colori….

Beh,  le mie lunghissime considerazioni sono terminate, grazie per la pazienza e la voglia di leggere, sempre se siete arrivati sino qui…..

Traduci

e condividi il post…
Share

Ecco la parure in palio per il concorso “Capricci e Canzoni”!

Ecco il premio per il concorso estivo Capricci e Canzoni , il nome della parure sarà quello della vincitrice.

E’ composta da noci di tagua intere multicolore, grosse perle e perline in legno, il tutto inframmezzato da perline color corallo e marrone. Lunga circa 65 cm, senza ganci di chiusura. Gli orecchini sono lunghi circa 4,5 cm, esclusa la monachella, e sono in argento rodiato anallergico. Spero vi piaccia! 🙂

Ricordo in breve le regole per partecipare:

2 commenti in cui potete inserire i nomi delle vostre canzoni preferite (tutte quelle che volete!) ed il motivo. Se vi va, aggiungete al fondo il link per il video o parte del testo.

Avete tempo fino al 31 luglio per partecipare!

Buona fortuna!

Traduci

e condividi il post…
Share

Lara, la collana di Anna!

Oggi vi presento Lara, una versione di Savane più fine e con tutti i colori di Capricci di Natura.
Lara è montata su filo da pesca, senza ganci di chiusura.
Il modello a cravattino è chiuso da una grossa noce di tagua centrale di colore blu.
E’ composta da perle in legno di tutti i colori, noccioli di albicocca, noccioli di ciliegia, cicerchie, una piccola noce di tagua, un seme di lumbang, dei tubetti in legno. Chiudono i due segmenti finali dei frammenti di madreperla e due noci naturali dell’Amazzonia di buon auspicio.
Come tutte le collane di Capricci, è colorata con pigmenti naturali anallergici, sfumati e facilmente abbinabili.
E’ un pezzo unico e non è più disponibile, spero che chi la sta indossando ora ne sia contenta 🙂

Traduci

e condividi il post…
Share