Vistrorio, arrivederci al 2013

Bellissima manifestazione, ricca di artigianato e di cose che non si vedono spesso in giro…qualche foto ricordo che è stata scattata in occasione del concorso fotografico che si è tenuto nella stessa giornata. Una fotografa, Gabriella Salto, incuriosita dalle creazioni di Capricci di Natura, le ha dedicato qualche scatto.

Che dire, se non grazie?

Traduci

e condividi il post…
Share

Reblogging: …direttamente da Wikipedia, il pesce d’aprile!

Passato un anno…nuovo pesce d’aprile! Buona giornata a tutti 🙂

...direttamente da Wikipedia, il pesce d'aprile! Una curiosità, anzi due (non avevo la più pallida idea che anche il Capodanno potesse avere qualche tipo di attinenza),  tratte direttamente da Wikipedia….attenti agli scherzi oggi! 🙂 Le origini del pesce d’aprile non sono note, anche se sono state proposte diverse teorie. Si considera che sia collegato all’equinozio di primavera, che cade il 21 marzo. Prima dell’adozione del Calendario Gregoriano nel 1582, veniva osservato come Capodanno da d … Read More

via Capricci di Natura

Reblogging: La leggenda dell’Açaì

Continuo con l’açaì e questa bellissima leggenda, per chi se la fosse persa… 

La leggenda narra che… Nel profondo della foresta pluviale amazzonica viveva un’antica tribù Indio costretta a confrontarsi con una situazione allarmante: la sovrappopolazione. Itaka, il capo tribù che sapeva di non avere risorse necessarie per sfamare i nuovi arrivati, decise di fare una dichiarazione per il bene comune della sua gente: ogni neonato da quel giorno in avanti sarebbe stato ucciso. Itaka non fu parziale nemmeno quando il bimbo da … Read More

Traduci

e condividi il post…
Share

Reblogging: Açaì, il frutto della vita

Il vecchio post di Capricci di Natura che vi spiega cos’è l’açaì, quello che viene denominato anche il “frutto della vita”.

Açaì, il frutto della vita L’açaí è il piccolo e tondeggiante frutto della palma denominata Euterpe oleracea, un tempo tipica dei margini fluviali da Santarem a Marajó, oggi diffusa in molte regioni umide del nord e del nord-est del Brasile. Può raggiungere trenta metri di altezza e fruttifica durante tutto il corso dell’anno. Dalla polpa dell’açaí si ricavano il succo e la crema, mentre con il nocciolo si produce una bevanda fermentata dal gusto simile a quello del vino, … Read More

Traduci

e condividi il post…
Share

…direttamente da Wikipedia, il pesce d’aprile!

Una curiosità, anzi due (non avevo la più pallida idea che anche il Capodanno potesse avere qualche tipo di attinenza),  tratte direttamente da Wikipedia….attenti agli scherzi oggi! 🙂

Le origini del pesce d’aprile non sono note, anche se sono state proposte diverse teorie. Si considera che sia collegato all’equinozio di primavera, che cade il 21 marzo. Prima dell’adozione del Calendario Gregoriano nel 1582, veniva osservato come Capodanno da diverse culture, distanti come l’antica Roma e l’India. Il Capodanno era in origine celebrato dal 25 marzo al 1º aprile, prima che la riforma gregoriana lo spostasse indietro al 1º gennaio. In seguito a ciò, secondo una prima versione sull’origine di questa usanza, si creò in Francia la tradizione di consegnare dei pacchi regalo vuoti in corrispondenza del 1º di aprile. Il nome che venne dato alla strana usanza fu poisson d’Avril, per l’appunto pesce d’aprile.
Ma dato che l’usanza è un po’ comune a tutta l’Europa, alcuni studiosi sono andati un pochino più indietro nel tempo e hanno ipotizzato come origine del pesce d’aprile l’età classica, ed in particolare hanno intravisto sia nel mito di Proserpina che dopo essere stata rapita da Plutone, viene vanamente cercata dalla madre, ingannata da una ninfa, sia nella festa pagana di Venere Verticordia alcune possibili comunanze con l’usanza attuale.

http://it.wikipedia.org/wiki/Pesce_d’aprile

Traduci

e condividi il post…
Share